#18 La Maddalena – Partenza

Lasciamo alle spalle anche La Maddalena. Arcipelago allucinante dominato, forse più di qualsiasi altro posto in Mediterraneo, dal vento, che da un lato o dall’altro si infila nelle Bocche di Bonifacio e modella paesaggi e gente.

Terra di conquista, però, La Maddalena, dove tanto turismo attira interessi commerciali di ogni tipo. Terra dove occorre fare delle scelte forti, perché lo spazio a mare, fra le isole, sulle isole, è poco e la pressione antropica enorme. Non a caso è la prima isola dove mi fanno pagare l’ormeggio (c’era stata anche Capraia, è vero, subito prima di qui, ma il contesto era molto diverso).

Una persona speciale, indimenticabile, l’ho comunque incontrata. Lui si chiama Antonello Tovo, skipper maddalenino da sempre, che ha fondato un’associazione emozionante che si chiama Acque Libere: si insegna la vela, in autonomia, ai disabili prelevalentemente ma non solo. E ci si impegna a veicolare un messaggio diverso, di lentezza ancora una volta, di creazione di comunità sulla base di ciò che l’isola è da sempre stata: un posto di navigatori, di corsari anche, ma certamente padroni della loro isola e della loro identità.

 

Pubblicato il: 14.Giu.2018   Lascia un commento

Taggato , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su 33isole

L'ideatore del progetto e navigante sono io, Lucio Bellomo, nato nel 1983 a Palermo, in Sicilia. Che poi è anche Italia ;-) Ingegnere elettronico (non ne vado fiero), dopo il dottorato ho lavorato come oceanografo fisico in Francia, facendo ricerca sui fenomeni fsici che regolano il funzionamento di mari e oceani. Ho partecipato a numerose campagne oceanografche internazionali imbarcandomi per più settimane consecutive. Con questo bagaglio ho lasciato l'Università alla ricerca di un contatto ancora più diretto con il mare. Oggi lavoro come istruttore di subacquea con le bombole ed in apnea fra piccole isole mediterranee e mari tropicali. Nel tempo libero mi dedico alla navigazione a vela, dapprima in Mediterraneo e poi coronando il sogno della traversata atlantica due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code