#19 Sant’Antioco – Partenza

Oggi si riparte per Carloforte, qui di fronte a una manciata di miglia.

L’isola di Sant’Antioco ha due, diversissimi, comuni: Sant’Antioco e Calasetta. A Sant’Antioco abbiamo fatto un incontro veramente speciale. Barbara e Simona della Cooperativa Sociale Le Api, che nulla ha a che vedere con il miele. Queste ragazze e gli altri lavorano sull’educazione di persone con ogni tipo di disabilità, con un approccio immensamente umano. Il Sulcis Iglesiente, cui appartiene Sant’Antioco, è fra l’altro la provincia più povera d’Italia, e la percentuale di malattie genetiche è decisamente più alta rispetto alle medie mondiali, certamente (questo lo affermo io) per la storica presenza di miniere e industrie pesanti, anche se nessuna autorità ha le palle per ammetterlo. E allora questi ragazzi lottano e sono riusciti a creare una realtà virtuosa, che funziona per i “pazienti” ma anche per i dipendenti, che lavorano, retribuiti e felici.
Come progetto annesso, l’Associazione Le Rondini “NEW” ha appena attrezzato la prima spiaggia in Sardegna dove la gente con disabilità motorie gravi può addirittura fare il bagno!

A Calasetta, invece, sabato incontrerò la gente della Fondazione MACC del relativo Museo d’Arte Contemporanea, una realtà fantastica per un posto piccolo come Calasetta, uno dei due comuni di Sant’Antioco. Un’artista cilena e una sarda stanno preparando in segreto una performance fra geologia, tessitura e musica…

Pubblicato il: 20.Giu.2018   Lascia un commento

Taggato , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su 33isole

L'ideatore del progetto e navigante sono io, Lucio Bellomo, nato nel 1983 a Palermo, in Sicilia. Che poi è anche Italia ;-) Ingegnere elettronico (non ne vado fiero), dopo il dottorato ho lavorato come oceanografo fisico in Francia, facendo ricerca sui fenomeni fsici che regolano il funzionamento di mari e oceani. Ho partecipato a numerose campagne oceanografche internazionali imbarcandomi per più settimane consecutive. Con questo bagaglio ho lasciato l'Università alla ricerca di un contatto ancora più diretto con il mare. Oggi lavoro come istruttore di subacquea con le bombole ed in apnea fra piccole isole mediterranee e mari tropicali. Nel tempo libero mi dedico alla navigazione a vela, dapprima in Mediterraneo e poi coronando il sogno della traversata atlantica due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code