LA BARCA

Maribelle615

Maribelle, questo il nome della barca, è una piccola barca a vela di 6 metri e 15 cm di lunghezza, priva di cabina, progettata e realizzata da Francesco Belvisi, un giovanissimo disegnatore di barche avveniristiche originario di Pantelleria (una delle più remote isole minori, per l'appunto). Possiede due originalissime caratteristiche, che le hanno valso numerosi premi nazionali e non: è un "gommone a vela", ed il suo boma è di tipo "wish bone" come quello di un windsurf. I tubolari rendono Maribelle molto più stabile di una barca a vela tradizionale e dunque adatta alla navigazione in soliltario, mentre il wish bone ne fa una barca decisamente divertente. Grazie ad un albero in carbonio, una randa particolarmente ampia ed un peso ridotto (circa 600 kg a pieno carico), Maribelle è sportivissima!

Nel 2012 ha realizzato un giro della Sicilia a tappe, seguita da una barca da appoggio, nell'ambito del progetto Periplo.

 

Nell'aprile del 2017 ho recuperato Maribelle alla Lega Navale di Livorno, dove giaceva inutilizzata da troppo tempo. Con l'aiuto dello stesso Francesco Belvisi e soprattutto di Daniele Bertorotta, Vincenzo Murdaca e Gilson Monteiro Aquino di Sailing Italia Services a Palermo, fra i mille altri preparativi ho passato l'inverno a rimetterla in sesto e attrezzarla per il lungo viaggio in solitaria a cui andava incontro:

  • meccanismo per rendere la  pesante deriva basculante al fine di diminuire il pescaggio in caso di bisogno;
  • sistema elettrico con due batterie alimentate da un pannello solare;
  • motore elettrico Minn Kota da 55 lbs alimentato a 12 V;
  • nuovo timone a barra e pilota automatico;
  • nuova randa full batten con una mano di terzaroli (ho poi aggiunto un piccolo ma fondamentale fiocco durante il viaggio);
  • dotazioni di sicurezza varie (VHF, luci in testa d'albero, lifeline, ecc.).

 

Ho navigato esclusivamente a vela, di giorno come di notte, utlizzando il motore soltanto per le manovre di ormeggio in porto o rada. Per la rotta, ho utilizzato il software di navigazione gratuito e open source OpenCPN sul telefonino (un cellulare di tipo "rugged", ovvero resistente a urti e acqua) e la bussola di bordo.

 

Maribelle è arrivata a Venezia sana e salva con, tutto sommato, pochi problemi patiti durante il viaggio. Si è dimostrata robusta, asciutta, maneggevolissima e fedele; anche discretamente veloce, viste le dimensioni e il tipo di uso per il quale è stata progettata (che non era certo quello che ne ho fatto io!).

Le ho voluto un gran bene...

I commenti sono chiusi