#21 Marettimo – Partenza

Marettimo è un luogo di bellezza disarmante. Se è vero che tutte le isole sono posti bellissimi, senza eccezioni, Marettimo è probabilmente più bello di molti altri – perché è remoto al punto giusto, perché la sua morfologia è imponente e selvaggia, perché il piccolo paesino è carinissimo e perché sott’acqua nasconde tesori veri.

Si tratta di un’isola di marittimi (che è rara, visto che la maggior parte delle isole aveva un’economia prevalentemente agricola), e lo si può sentire subito. Il suo popolo è abituato ad emigrare e accogliere. Sono passionali e sorridenti, aperti. Ho incontrato ragazzi giusti come Francesco, disposti a condividere le sue meraviglie oltre una mera logica turistica, spontaneamente e con professionalità. È proprio un peccato che dal prossimo anno anche la scuola primaria non riaprirà…

Ho intervistato Vito Vaccaro, bastione storico dell’identità dell’isola da cui dovremmo più che mai cercare una visione del futuro. Ci ha detto, per esempio, la storia dei pescatori di salmone, che ancora oggi arrivano e vanno dall’Alaska a pescare per uno o due mesi ogni anno.

Poi Leonardo, l’apicoltore di Isola Del Miele, che produce qui tonnellate (non è uno scherzo) di un tesoro così grande che ha vinto diversi premi nazionali. Ci ha detto che qui non c’è nessun problema con la mortalità delle api, perché non c’è agricoltura che inquina l’aria con pesticidi che danneggiano gli insetti.

E finalmente i miei amici del Blu Tek Diving – MarettimoDavide e Diletta, che per amore per Marettimo e per il suo mare hanno comprato qualche anno fa un centro diving e addirittura si sono sposati, qui. Dopo qualche immersione, per la prima volta il primato assoluto che il mare di Ustica ha nella mia esperienza subacquea è stato rimesso in discussione. Un grazie speciale a voi, ragazzi.

Quindi ora ci di di nuovo a levanzo, a soli 12 km di distanza mentre lo scirocco soffia…

(La foto è di Ferdinando Meli, che ringrazio tantissimo. Quello sono io accanto a una splendida colonia di Leptogorgia sarmentosa.)

 


Pubblicato il: 2.Lug.2018   Lascia un commento

#21 Marettimo – Arrivo

Meno di due giorni e mezzo ci ho messo per “il grande salto” da Carloforte a Marettimo. È stato intrigante aspettare la finestra meteo giusta e rischiare, azzeccandoci, una partenza che sei ore prima o dopo sarebbe potuta essere problematica. Così in fretta cambiano i venti nel Mediterraneo. Ciononostante, il troppo mare ha danneggiato il timone che va riparato immediatamente.

Superato Capo Carbonara, estremo sud orientale sardo, il tuffo nel vuoto è stato realmente emozionante. Il momento in cui ho messo la prua a 120 gradi mi ha fatto battere il cuore forte. Mi sono sentito realmente vulnerabile.

Ho riprovato, per 24 ore, le sensazioni della traversata atlantica di due anni fa. E non solo l’onda lunga “lunga” che non si sa da dove viene. Ma anche l’isolamento totale che sublima i pensieri e li rende mere osservazioni, del tempo, dei colori, del vento, delle immancabili berte, della barca. Il presente e nulla più.

Ma è già tempo di tornare alla realtà solida, sociale. Però dai, sono a Marettimo, uno dei posti più affascinanti del Mediterraneo, non mi lamenterò…

 

Pubblicato il: 28.Giu.2018   Lascia un commento

Gente da Isola – Marettimo – Davide Di Franco, Diletta Giannola

Ma che fa, qualche immersione durante il mio viaggio non la devo fare, una volta che vado in tutti questi posti assurdi? E cosa c’è di meglio che farle con gente che ha scelto l’Isola, che ha lasciato un mondo per dedicarsi all’Isola?

Vi presento Davide Di Franco e Diletta Giannola, proprietari del Blu Tek Diving – Marettimo. Palermitani, lui da sempre “malato” di subacquea, lei ex-ballerina del Teatro Massimo di Palermo, qualche anno fa hanno deciso di scommettere tutto sulla la loro passione e il loro amore, reciproci e per il mare. Hanno scelto Marettimo – indiscutibilmente nella top 3, direi, dei più bei posti dove immergersi in Italia (e nel Mediterraneo) per le sue grotte sottomarine e le sue incredibili atmosfere -, hanno comprato un vecchio peschereccio di nome “El Merendero”, e il sogno è diventato realtà. Ci si sono magari sposati, a Marettimo!

Io non vedo l’ora. Sopra e sott’acqua, guidatemi lungo le perle di bellezza della vostra Isola…

Pubblicato il: 22.Feb.2018   Lascia un commento